Gli sceneggiatori raccontano...

Diciamoci la verità, abbiamo fatto già un mucchio di cose:
52 episodi da 50 minuti
26 serate
2 serie complete

Ai nostri personaggi principali e secondari ne abbiamo fatte succedere di tutti i colori, ma quando ci siamo messi a scrivere la terza stagione della Nostra Amatissima Serie abbiamo sentito il bisogno di fare qualcosa di nuovo. Di usare questo colorato mondo che abbiamo creato per raccontare altre e nuove storie. Volevamo far muovere i nostri personaggi in modo differente, per vederli alle prese con gli avvenimenti "straordinariamente normali" che fanno parte della vita di tutti noi. Da questo pensiero è arrivata l'idea di raccontare tutta la nostra storia in una arco di 26 giorni, esattamente quanti sono gli episodi che compongono l'intera serie. Naturalmente questa non è solo una novità strutturale ma anche tematica. Abbiamo voluto vedere tutti i nostri personaggi quest'anno affrontare i piccoli, grandi imprevisti di tutti i giorni, le difficoltà dell'amore, i drammi e le crisi quotidiane, senza rinunciare però ad affrontare temi più grandi che hanno sempre caratterizzato la serie.

Abbiamo puntato su storie che si aprono e si chiudono in un episodio massimo in due, ma anche su archi narrativi più ampi che invece percorrono tutta la serie e che ci fanno stare col fiato sospeso perchè si risolvono solo nelle ultime puntate.

La scelta del mese di dicembre poi e del periodo natalizio è stata quasi obbligatoria. L'occasione era la migliore: raccontare tutto il periodo natalizio dall'arrivo delle feste fino all'anno nuovo, con tutto quello che nell'immaginario collettivo questo particolare periodo dell'anno si porta dietro: il calore, la gioia, l'aspettativa ma anche lo stress, i ricordi, le speranze. E cosa c'è di più evocativo e affascinante del Natale per raccontare una famiglia, anche se scombinata, frastagliata e colorata come la nostra?

Come sempre in "Tutti pazzi per amore", c'è tanto di noi, del nostro mondo, di quello che ci piace, che non ci piace, di come amiamo o di come a volte ci piacerebbe riuscire ad amare. Ecco perché ancora una volta ci ritroviamo a scrivere della famiglia Giorgi-Del Fiore e di tutti quelli che gli ruotano intorno, perchè ormai sono parte di noi e la nostra vita, ne siamo certi, sarebbe un po‟ più vuota e triste se non ci fossero.

Ivan Cotroneo, Monica Rametta e Stefano Bises

Rai.it

Siti Rai online: 847